Lestofanti, Cialtroni e Poveri Scemi

ovvero

Viaggio nell’Italia che continua a pubblicare ma ha smesso di leggere.

Inizio questo intervento con la classica captatio benevolentiæ verso il lettore:

Questa è una mia personale riflessione, in parte causa scatenante della nascita di GonZo, non vuole essere una sparata tipo: “Noialtri siamo diversi e di gran lunga più carini”. Questo starà a noi dimostrarlo nei prossimi mesi/anni e coloro che avranno a che fare con noi avranno sicuramente il modo di dire la loro (i social media danno a tutti la possibilità di valutare servizi et similia quindi non v’è scampo).

E adesso si principia.

I manoscritti iniziano ad arrivare, è una cosa meravigliosa che lascia passare i malumori delle spese fatte finora.

In calce ad uno di questi ho trovato una sorta di pubblicità (lasciata non so perché) di un simpatico servizio di correzione bozze. Spinto dalla scimmiesca curiosità che di quando in quando mi contraddistingue, ho cercato dato servizio sull’Internet: mi si è accapponata la pelle.

Il sito si è rivelato essere quello di una casa editrice che, tanto per sbarcare il lunario, offre servizi di valutazione e correzione bozze, ovviamente in cambio di un piccolo obolo.

Più scorrevo tale tariffario, più mi veniva il malumore.

Trovo che la cosa sia improponibile.
L’impronta che è stata data a GonZo è quella di svolgere questi servizi gratuitamente, dato che fanno, a mio avviso, parte integrante dell’attività di redazione e farli pagare equivale ad essere uno di quei simpatici editori prezzolati che finiscono per riempirti la casa dei tuoi stessi libri in cambio di soldi e tante parole al vento.

Ci ho rimuginato su, con addosso quel senso di impotenza che ti tiene sveglio la notte con il pugno stretto sull’ennesima sigaretta “di troppo” che finirà spenta nel posacenere a metà della corsa delle braci verso il filtro.

L’unico modo per liberarsi è scrivere, spiegare le proprie idee e sperare nel funambolo che presterà orecchio alle nostre parole.

I piccoli editori in Italia sono tantissimi (quasi più degli scrittori, sicuramente più dei lettori), e, applicando un ragionamento di riduzione estrema, li possiamo catalogare in tre macro gruppi:

-Lestofanti

-Cialtroni

-Poveri Scemi

L’Editore Lestofante non legge, la motivazione non conta, che sia per ignoranza o per indifferenza, questo è affar suo. Il lestofante ha un simpatico tariffario e considera come utente finale (quello che ti paga) l’autore e non il pubblico. Quando mi dilettavo nella scrittura ne ho beccati un paio e il dileggio è stata la mia arma di scelta. Credo che un editore che si faccia pagare una cifra tra i cinquanta centesimi e un euro a cartella per correggere un testo rientri in questa categoria, uno che si faccia pagare per valutare un testo pure vi rientra.
Cosa c’è di sbagliato?
Questi signori rovinano la piazza a coloro che intendono affrontare un lavoro editoriale con serietà e possibilmente onestà, favoriscono spesso il fenomeno dell’autopubblicazione che, non sbagliato di principio, si rivela spesso controproducente per l’autore a causa di una distribuzione minimale oltre ad una pubblicità a volte approssimativa (Ulises Carrion sosteneva che “uno scrittore produce un testo, non un libro“, questa è una deriva di quella che viene chiamata arte nuova, cui Carrion si opponeva spesso ferocemente). Il nostro amico Lestofante dopo averti fatto sborsare tanti soldi tra correzione bozze e stampa dei libri ti riempie la casa di libri (su 500: 30 te li regala, 100 te li da a titolo amicale, 250 rappresentano quelli che hai comprato pagando la stampa e il resto li distribuisce in 150 librerie sparse per il territorio nazionale…fate voi i conti)

L’Editore Cialtrone ha aperto la casa editrice un po’ per gioco, crede in quello che fa, legge e pubblica, non sempre in maniera completamente gratuita. Il suo problema si trova nel suo approccio all’autore (spesso non sa dire di no e si impelaga nella pubblicazione di libri nei quali crede poco), nella distribuzione e nella pubblicizzazione dell’opera che diventano approssimative e un po’ pasticciate. Non è cattivo, ma ha spesso altro a cui pensare.

Arriviamo ai Poveri Scemi (spero di farne parte ma si vedrà più in là). Sono quelli che credono veramente in quello che fanno, correggono e pubblicano gratuitamente e si adoperano nel fare presentazioni, discussioni e trattano il proprio lavoro come una sorta di crociata personale, cosa che fa ridere il Lestofante, mentre il Cialtrone rimane a grattarsi la testa. Il Povero Scemo cerca strategie nuove, sa che non diventerà un nuovo Feltrinelli ma almeno ci prova, trattando con professionalità ogni autore che si ritrova davanti.

Forse è un ragionamento cinico, forse semplicemente disincantato.

Ora voglio rivolgermi all’autore in erba:
Non farti correggere il testo a pagamento (spesso l’addetto non lo fa o lo fa male), cerca un amico e fatti aiutare da lui. In ogni caso la GonZoVisione non è basata sulla correttezza del testo proposto quanto sull’idea alla base di questo. In caso di proposta di pubblicazione ci sarà una lunga fase di redazione dove il testo verrà in ogni caso passato ai raggi X, perchè questa è parte del lavoro dell’editore, non la più divertente ma, via, non ci si può divertire sempre.

Riguardo agli italiani che non leggono, beh, questa è una storia lunga e piena di spigoli, cadrei forse troppo sul politico nello sviscerare le cause di un problema gigantesco. Al momento voglio esentarmi dal fare ragionamenti politici, piuttosto vi lascio il link allo studio Istat del 2015 sperando che i dati di domani siano meno agghiaccianti.

Istat 2015

Un caro saluto a tutti.

SIAMO TORNATI!

M.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...